ES EN IT
MENU
 
 
 

BLOG

GUIDA RAGIONATA ALLA FAUNA DI FACEBOOK - PARTE PRIMA

Premessa
​Sono ormai passati diversi anni, da quando analizzai e catalogai le svariate specie umane che popolano l'immenso territorio di Facebook, e sicuramente oggi dovrei aggiornare questo mio rigoroso studio scientifico alla luce delle nuove forme di vita scoperte in tempi recenti.
Mi propongo di farlo non appena troverò il tempo necessario per dedicarmici.
Nel frattempo, ritenendo ancora valida la catalogazione delle specie primigenie, ho pensato di riproporvi il risultato delle mie ricerche raccolto in tre parti, di cui questa è la prima.
Spero possa appassionarvi così come appassionò me scoprire le tante, sorprendenti forme di vita che ci circondano.

GUIDA RAGIONATA ALLA FAUNA DI FACEBOOK
PARTE PRIMA (N° 1 - N° 7)

N° 1, il/la Segnaposto
Ha aperto un account perché qualcuno l'ha convinto che non se ne può fare a meno, dopodiché avrà aperto la sua bacheca tre volte in tutto. 
Generalmente, non arriva nemmeno a pubblicare la foto del profilo, ma lascia la sagomina biancoazzurra. Ci si può contare come sul numero di telefono di uno che non l'attacca alla presa.

N° 2, il/la Turnista
Accede a Facebook solo in determinati orari, tendenzialmente la sera, non per scambiare opinioni o commentare post altrui, ma per pubblicare a raffica almeno la sua dozzina di post quotidiani, che vi si incolonnano uno dietro l'altro nella bacheca dandovi l'impressione di avere un solo amico: il/la Turnista, per l'appunto.
I suoi post sono sempre a base di foto o di link e, generalmente, inerenti lo stesso tema (relativamente alla dozzina del giorno), non a caso alcuni classificano il/la Turnista come una varietà caratteriale del/la Monotematico/a.

N° 3 Il Canchedorme
Non si muove mai per primo, non pubblica mai un post. Eppure, non appena tu pubblichi qualcosa, nel giro di pochi minuti risponde, generalmente per fare le pulci a quanto hai scritto. 
La puntualizzazione e i puntini sulle i (ma anche sulle b, le c, le d...) sono il suo forte, mentre si dimostra abbastanza debole nelle battute, nonostante pensi di essere molto spiritoso. Salvo rare eccezioni, questo tipo di utente appartiene generalmente al solo sesso maschile.

N° 4 Il/la Serissimo/a
Il post più frivolo che ha mai pubblicato t'invitava a firmare una petizione contro lo sversamento incontrollato dei liquami prodotti nella casa del grande fratello. È fatto così, il Serissimo. Per lui (o per lei) ogni post è una denuncia, una condanna, una missione politico sociale. Se pensi che non commenti mai le tue cazzate per una sorta di pietoso, silenzioso compatimento nei confronti della tua incoscienza, ti sbagli: i tuoi post non li vede proprio, non ne ha materialmente il tempo. Quando devi salvare il mondo sei abbastanza impegnato di tuo.

N° 5: la/il Devota/o
Questo tipo di utente, generalmente di sesso femminile ma non solo, trae sostentamento esclusivamente dalla luce riflessa dal suo idolo: solitamente l'amica più bella, più brava, più spiritosa, più creativa, più intelligente, più tutto di lei. La sua posizione privilegiata di "intima" della protagonista di post di successo, conquistata grazie a una capacità di reazione fulminea nello schiacciare il tasto mi piace prima di chiunque altro, di commentare con cuoricini e faccine o con frasi complimentose, le garantisce di diritto un ruolo fisso nello sviluppo dei commenti, ruolo di cui spesso s'approfitta per trattare sgarbatamente le altre partecipanti, quasi fosse la governante della principessa.

N° 6: L'Ermetica/o 
Se i suoi post, per fortuna non molto frequenti, venissero pubblicati su Twitter anziché su Facebook avanzerebbero ancora non poche battute, perché quelle dell'Ermetica/o sono brevissime sentenze, spesso semplicemente enunciazioni di uno stato d'animo, che hanno come unico scopo provocare una qualsiasi reazione in chi le legge, generalmente riassunta nel classico - Tutto bene? -.
Si tratta, in buona sostanza, di richieste d'attenzione, simili a quelle messe in atto dai bambini e dagli aspiranti suicidi ancora non troppo convinti. La coscienza vuole che gli si risponda, la pancia suggerirebbe di lasciare che s'impicchino, soprattutto quando a un - Oggi tutto nerissimo - si ha come stimolato chiarimento qualcosa del tipo - Niente, mi si è spaccata un'unghia mentre giocavo a burraco -.

N° 7: Il/la Mercante
La sua presenza in Facebook ha un unico, evidente scopo: pubblicizzare la sua attività o i suoi prodotti, siano essi cake designed riproducenti l'intera Trilogia dei Nibelunghi o un servizio express di spurgo pozzi neri. 
Questo è quello che accomuna persone dai diversi interessi e attitudini: blogger con qualunque possibile suffisso, musicisti, cantanti, bigiotteriste, ballerine del ventre, fotografi, eventisti, scrittori e poeti part-time, santoni del web e seminaristi della comunicazione. Se il/la Mercante dovesse riconoscersi in un motto questo avrebbe buone probabilità di essere: - Ci ho mica tempo di postare cazzate a gratis. Io devo venderle.- I più abili di loro riescono a virare in pubblicità per sé qualunque post altrui senza che la cosa scateni una rissa.

 

function onSubmit(token) { document.getElementById("id-validate").submit(); }