ES EN IT
MENU
 
 
 

BLOG

EVENTI (E ARTE) ESPERENZIALI*

Oggi sempre di più vogliamo eventi esperenziali e anche nell’arte, soprattutto quella contemporanea, l’interazione con il pubblico non è più passiva, DEVE essere interattiva.

Così, tra le mostre assolutamente da vedere quest’anno, trovo Doubt di Carsten Holler*, un’artista tedesco tra i più riconosciuti a livello internazionale.

Allora eccomi qui al Pirelli Hangar Biccoca** – una bellissima location a Milano – a scoprire questo artista.

Passo da una Y di luci a un corridoio completamente al buio, da un telefono appeso a una parete psichedelica, da una giostra di funghetti allucinogeni da azionare a porte a specchio rotanti, fino ad arrivare a Two Flying Machine.
Quest’ultima è un’installazione da prenotare e sconsigliata a persone che soffrono di patologie tra cui: sindromi vertiginose, attacchi di panico, acrofobia (paura del volo) e kenofobia (paura del vuoto) – e io, fatta eccezione degli attacchi di panico, le ho tutte.

Mi imbragano, mi issano a tre metri da terra (e io penso all’evento fatto con i Sonics***in cui le ragazze le avevamo appese un po’ più in alto…) e fluttuo nell’aria come se fossi su un aliante.
Naturalmente come nel mio miglior stile rido sguaiatamente felice, dall’inizio alla fine, mentre un gruppo di giapponesi mi fa delle foto.
Interazione riuscita.

Per chiudere: l’ultima installazione è una stanza completamente di cemento in cui due letti vagano lentamente. Si può prenotare per una notte intera (per sole 500,00 Euro), svegliarsi in un punto diverso da dove ci si è addormentati e lavarsi i denti con un dentifricio studiato apposta dall’artista (sempre con funghetti allucinogeni).

E io mi chiedo: ma sarà davvero arte e soprattutto chi decide che lo sia davvero?

* http://www.hangarbicocca.org/mostra/carsten-holler-doubt/
** http://www.hangarbicocca.org
*** https://www.facebook.com/ACROBATISONICS/?fref=ts